25 Aprile 2017

ICAOR11: Lisa Hodge ospite della seconda giornata di conferenza in AIMO

La Dottoressa Lisa Hodge, ricercatrice alla University of North Texas Health Science Center di Dallas, inaugura la giornata con un intervento su Sistema Linfatico e osteopatia.

La seconda giornata dell’undicesima edizione dell’International Conference on Advances in Osteopathic Research (ICAOR) presso l’Accademia Italiana di Medicina Osteopatica ha suscitato grande interesse nei partecipanti.

In particolare, durante la mattinata di sabato 22 aprile, la relazione della keynote speaker, la Professoressa Lisa Hodge dell’University of North Texas Health Science Center di Dallas ha raccolto consensi e offerto molti spunti di riflessione.

Nel suo intervento dal titolo “The Lymphatic System and Inflammation: insight into the mechanisms of protection offered by osteopathic medicine”, la dottoressa Hodge, che da anni si occupa di ricerca di base, ha presentato diversi recenti studi realizzati con il suo team di ricercatori al Centro di ricerche di Dallas, dove si sta cercando di monitorare gli effetti del trattamento osteopatico a livello del drenaggio linfatico.

Tali studi in particolare pongono l’attenzione su come il trattamento osteopatico possa influenzare la rimozione di sostanze, normalmente accumulate al livello del sistema linfatico, in situazioni infiammatorie o durante il corso di infezioni.

Il dato positivo emerso è stato un aumento significativo del drenaggio linfatico a seguito dell’esecuzione di tecniche osteopatiche sull'addome. Si tratta di esperimenti che attualmente vengono compiuti su animali, anche attraverso l’inoculazione di agenti patogeni al fine di stimolare una risposta immunitaria, verificando poi la rimozione degli elementi infiammatori da parte del sistema linfatico grazie al Trattamento Manuale Osteopatico (OMT).

Lavori non riproducibili sul campione umano, ma al Centro di Dallas ritengono che grazie alle nuove tecnologie, e in particolare all’adozione di tecniche di immunofluorescenza, tali ricerche possano essere replicate in sicurezza anche sull’uomo, fornendo quindi dati ancora più significativi per la salute umana.

Realizzato su campione umano, e sorprendente per i risultati ottenuti, è stato invece uno studio che ha rilevato come il Trattamento Manuale Osteopatico praticato su pazienti ospedalizzati e trattati farmacologicamente – nello specifico erano pazienti affetti da polmonite -  possa significativamente contribuire alla riduzione del periodo di ospedalizzazione.

 



 

News - Eventi

Partnership e Collaborazioni